Mi chiamo Bianca Rifici, insegno Lettere a Naso, un’amena cittadina  della provincia di Messina. Ho studiato Musica al Conservatorio ”Corelli” di Messina, Arte all’Accademia di Belle Arti di Capo d’Orlando e Lettere all’Università di Messina, insomma ho sempre amato studiare e si può dire che non abbia mai smesso, né mai smetterò.

unnamed1.jpg

I miei interessi

Mi piace viaggiare, imparare cose nuove e soprattutto leggere. Ed è grazie alla lettura che ho scoperto un mondo a me prima sconosciuto, quello della fisica quantistica e della crescita personale.

Affascinata da questi argomenti e desiderosa di condividerli con altri, ho iniziato da circa un anno l’attività di blogger e sto, nel contempo, curando la mia preparazione e formazione con la frequenza di corsi presso l’Università di PNL e coaching di Frosinone dove ho già concluso il percorso di Life Coach.

coach master-min

L’idea di creare un blog è nata non solo dalla passione per la scrittura, ma anche e soprattutto dal desiderio di condividere con i lettori quanto ho imparato in questi anni tramite la lettura, la meditazione e il lavoro su di me.

Conoscere se stessi, conoscere i meccanismi che regolano  il nostro mondo interiore, così come conoscere tutte quelle leggi che regolano l’universo di cui siamo parte è di fondamentale importanza per essere sereni e avere successo nella vita di tutti i giorni.

Parliamo spesso di felicità, ma non riusciamo a capire, come dice Osho, che è tempo di smetterla di cercare fuori di noi tutto quello che pensiamo possa renderci felici.

La vera felicità è svincolata da circostanze esterne perché nasce dall’interno ed è incondizionata: non dipende dalle relazioni, dai possedimenti, dal lavoro, ma è piuttosto una condizione dell’ Essere spirituale, non dell’Ego.

È pertanto ora di “tornare a casa”,  dobbiamo imparare  a guardare dentro di noi, perché la felicità ci appartiene, ci è stata data in dono, in eredità, è una caratteristica intrinseca della nostra natura “divina”.

L’obiettivo di questo blog è aiutare il lettore a riappropriarsi di questa felicità, aiutarlo a raggiungere quell’equilibrio e quella centratura interiore che permettono di guardare con sereno distacco alle prove e ai problemi della vita.

La vita, scrisse Gandhi, non è aspettare che la tempesta passi, ma imparare a ballare sotto la pioggia, trovare la gioia di vivere ed essere sereni nonostante le avversità, un po’ come il mare che durante i temporali è increspato in superficie, ma tranquillo e sereno in profondità.

Ti auguro una buona navigazione all’interno del blog e spero di annoverarti tra i miei lettori.

Come attingere saggezza di vita da 35 straordinari racconti, Bianca Rifici

relazioni vincenti