,

Come risolvere un conflitto?

come risolvere un conflitto

Come risolvere un conflitto e uscire dal problema

Come risolvere un conflitto? Come fare per ascoltare veramente il cuore e muoverci in direzione di ciò che è meglio per noi? Albert Einstein, uno dei più grandi geni della storia, disse: «I problemi che abbiamo non possono essere risolti allo stesso livello di pensiero che li ha generati».

Si tratta di un concetto straordinariamente importante: se abbiamo un problema del quale non riusciamo a trovare la soluzione, continuare a utilizzare gli stessi schemi di pensiero che si sono rivelati insufficienti a questo scopo non potrà mai sbloccare la situazione.

Per uscire dal problema è necessario vedere qualcosa che ancora non abbiamo visto, considerare qualcosa che ancora non abbiamo considerato, aprire la mente a possibilità che ancora non abbiamo esplorato, evolvendo il nostro pensiero da un livello nel quale non è in grado di risolvere il problema a uno più alto nel quale è in grado di comprenderne la soluzione.

Per rendere il concetto con un’immagine concreta, potremmo rappresentare la nostra crescita personale, la nostra evoluzione mentale, emozionale e spirituale come una serie di anelli sovrapposti che salgono dal basso verso l’alto.

A mano a mano che cresciamo, imparando dalle esperienze, sviluppando una maggiore consapevolezza, espandendo il nostro pensiero, accediamo ad anelli superiori dai quali avremo una visione diversa delle situazioni, come uno scalatore che, salendo verso la cima della montagna, può godere di un panorama sempre più ampio.

Se, per esempio, guardi con occhi da adulto ai conflitti che hai vissuto da adolescente probabilmente, a distanza di anni, ne hai una visione completamente diversa, e le stesse cose che all’epoca ti mettevano in grave difficoltà non rappresenteranno più un ostacolo.

come risolvere un conflitto

Sposta il tuo punto di vista a un livello di pensiero più alto

Ci sono persone che a un certo punto della loro esistenza smettono di crescere, irrigidendosi nei propri schemi di pensiero, convinzioni e abitudini. La vita, che ci spinge sempre all’evoluzione personale, prima o poi sbatte in faccia a questi individui una situazione che richiede un livello superiore per poter essere gestita e superata: possono essere problemi di relazione con i propri figli o con persone care oppure difficoltà a rapportarsi con il mondo che cambia, con il lavoro, con le finanze.

A quel punto, o saranno disposti a mettere in discussione il proprio modello del mondo oppure saranno destinati a trascinarsi dietro per anni una situazione che continuerà a non cambiare, generando conflitti su conflitti che creeranno un grado insopportabile di stress e frustrazione.

Tutti conosciamo gente di questo tipo, che da anni si lamenta perché gli altri, le situazioni e il mondo intorno non cambiano, mentre non capisce che è il suo personale cambiamento l’unica soluzione ai problemi che la assillano.

«La mia realtà non è niente altro che un punto di vista. Una volta cambiato, la mia realtà cambierà in meglio!» – Zig ZigIar.

Quindi, seguendo il consiglio di Einstein, se vogliamo uscire da un conflitto interno dobbiamo spostare il nostro punto di vista a un livello di pensiero più alto, pensare cioè come penseremmo se quel problema non fosse per noi tale, se avessimo la mentalità, le credenze, la consapevolezza di chi non vivrebbe mai, in nessun modo, quel tipo di conflitto.

Quello che Einstein ci suggerisce è fondamentalmente di spostare il nostro focus mentaleCos’è il focus mentale e cosa fare per dirigerlo con successo su ciò che ci piace e ci fa stare bene? (clicca sul link se vuoi conoscere la risposta).

Tratto dal libro “Leader di te stesso” di Roberto Re

Se hai gradito questo articolo, condividilo cliccando sui pulsanti che trovi sotto e iscriviti ora alla newsletter,  se vuoi ricevere i nuovi articoli. Sarà un vero piacere annoverarti tra i miei lettori. Grazie di cuore!!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *