forza interiore

Si narra che Alessandro, quando conquistò l’India, sulla via del ritorno volle portare con sé un sannyasin, un ricercatore del vero. Glielo aveva chiesto Aristotele, il suo precettore, che ne aveva sentito parlare come di persone qualitativamente diverse; e sembrava che fossero loro a tenere l’intero Oriente a un livello esistenziale completamente diverso, o almeno così si diceva.

Alessandro era così impegnato a combattere che se ne dimenticò e se ne ricordò solo sulla via del ritorno; era ormai giunto al confine dell’India, ma qualcuno, in quell’ultimo villaggio, gli disse che un sannyasin viveva proprio nei pressi dell’accampamento, vicino al fiume.

Alessandro mandò i suoi soldati a catturarlo, ma quell’uomo non si fece minimamente spaventare dalle armi, rise e disse: “Andate a dire al vostro padrone che nessuno può portarmi da nessuna parte: un sannyasin si muove come una nuvola, nella più assoluta libertà. Potete anche tagliarmi la testa, ma io non vi seguirò”.

Qualcosa nella sua presenza lo rendeva unico, sprigionava qualcosa di luminoso, e quegli uomini d’armi indietreggiarono, tornarono da Alessandro e gli dissero che, se voleva quell’uomo, doveva andare lui a prenderlo: c’era qualcosa di ignoto, di indicibile nella sua presenza…

Alessandro, che non era abituato a subire sconfitte, si presentò a spada tratta e, con orgoglio, disse con voce altisonante: “Io sono Alessandro il Grande, il conquistatore del mondo intero”.

A quelle parole il sannyasin rise e disse: “Non essere sciocco e rimetti quella spada nel fodero, qui è inutile. La tua lama non può colpire me, ma solo il mio corpo, e io me lo sono lasciato alle spalle da tempo.

Puoi tagliarmi la testa, ma quando cadrà, anch’io la vedrò rotolare sulla sabbia, perché io non sono questo corpo: io sono il testimone. Non essere infantile, rinfodera la tua arma! E ricorda, questo tuo definirti ‘il Grande’ è solo segno della tua inferiorità: nella vita non esistono differenze simili… piuttosto, rispondi a questa domanda: hai conquistato te stesso?”.

Alessandro non aveva mai pensato a una cosa del genere, era un pensiero del tutto alieno alla sua cultura, del tutto estraneo a lui; non gli era mai neppure passata per la mente l’idea che si dovesse conquistare se stessi!

Di fronte a quel silenzio, il sannyasin disse: “Hai del coraggio! Senza aver conquistato te stesso, hai iniziato a conquistare il mondo intero; vergognati! Come prima cosa, conquista te stesso: questa è l’unica vera vittoria”. E le parole di quell’uomo erano accompagnate da tale compostezza e solennità da renderle indubitabili, inequivocabili.

Alessandro poté solo voltare le spalle e tornare sui suoi passi: quell’uomo, nudo, armato solo del suo essere, lo aveva sconfitto! Per la prima volta seguì gli ordini di qualcun altro: la semplice presenza di quell’uomo gli fece dimenticare il suo ruolo.

E quando tornò al campo disse: “È difficile uccidere un uomo che è pronto a morire, non ha senso. Puoi uccidere una persona che lotta, non un uomo che non ha paura della morte”.

Osho, I maestri raccontano

Cosa ci insegna?

Tolstoj afferma che “la prima virtù che deve acquisire un uomo, se vuole raggiungere le successive, è il dominio di sé”. Vincere, infatti, la battaglia contro se stessi e riuscire a raggiungere la consapevolezza di ciò che si pensa, si prova, si dice e si fa è la più importante tra tutte le vittorie.

“Considero più valoroso colui che sopraffà i propri desideri che non colui che conquista i propri nemici; perché la vittoria più dura è contro se stessi”.

Aristotele

Raggiungere il dominio di sé è un compito che richiede riflessione e costante lavoro su di sé, giorno dopo giorno e anno dopo anno; richiede perseveranza: non importa se i progressi sono lenti, se qualche volta si cade, si sbaglia; ciò che conta è la determinazione ad andare avanti, sempre e comunque, avendo piena fiducia che gli eventi stessi ci guideranno nella direzione desiderata.

Quando avete il controllo del vostro io interiore, non c’è niente che possa mettervi fuori combattimento. Potete essere messi KO, ma potete rialzarvi subito in piedi. Potete deviare per strade impervie, ma potete sempre ritrovare la vostra via verso la strada lastricata.

Questo articolo è attinto dal libro 42 straordinari Racconti motivazionali di Bianca Rifici

Rifici Bianca, 42 straordinari RACCONTI MOTIVAZIONALI

Napoleon Hill

Se hai gradito questo articolo, condividilo cliccando sui pulsanti che trovi sotto e iscriviti ora alla newsletter, se vuoi ricevere i nuovi articoli. Sarà un vero piacere annoverarti tra i miei lettori. Grazie di cuore!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.