,

Cos’è importante nella vita?

cos'è importante nella vita

 

Cos’è importante nella vita?

Non so come la pensiate voi, ma io credo che l’essenziale non sia l’istruzione o la casa o i vestiti. Che cos’è l’essenziale? Io credo che l’essenziale sia vivere e abbracciare la vita, ora, dovunque…

Riscoprire che siete speciali, che siete unici, che siete meravigliosi! Certo, siete confusi, e qualche volta commettete qualche stupidaggine e dimenticate che siete degli esseri umani, ma la cosa più meravigliosa, in voi, è che qualunque cosa siate avete il potenziale per progredire. State appena incominciando!

In questo momento siete ciò che siete, e c’è un’infinità di cose da scoprire! Non sprecate tempo a piangere! Perdonate gli altri! Perdonate voi stessi! Perdonatevi perché non siete perfetti. E soprattutto accettate la responsabilità della vostra vita. Nikos Kazantzakis afferma: “Avete il pennello, avete i colori, dipingete voi il paradiso, e poi entrateci!”. Fatelo! Prendete l’arancione e il rosso magenta e l’azzurro e il porpora… e il verde, e il giallo… e dipingete il vostro paradiso. Potete farlo! Potete farlo subito. La cosa essenziale è la vostra vita.

“Io credo che ognuno debba prendere tra le braccia la propria vita e baciarla” – Arthur Miller

È un’affermazione fantastica. Non importa se avete fatto del male a qualcuno, purché abbiate imparato a non farlo più. Purché non lo facciate più. Purché impariate, purché siate disposti a prendere la vostra vita tra le mani e proseguire da questo punto. Solo così c’è progresso. Solo così c’è la vita!

Fate ciò che vi fa stare bene e godetevi le persone che amate!

Io assegno spesso un tema alla mia classe: Se aveste solo cinque giorni da vivere, come li trascorrereste? E con chi? Spesso le risposte sono molto semplici. Io scrivo lunghissime annotazioni, quasi delle lettere, sui temi dei miei studenti. In questo caso scrivo: “Perché queste cose non le fai ora?”.

“Se avessi cinque soli giorni da vivere direi al tale che lo amo”. E io dico: fallo ora! “Se avessi cinque soli giorni da vivere, andrei sulla spiaggia a guardare il tramonto”. Che cosa stai aspettando?

A volte dovremmo pensare alla morte, perché? Perché la morte ci insegna il valore del tempo. Ci rendiamo conto di quanto è prezioso. Comprendiamo che non abbiamo a disposizione l’eternità! La morte ci insegna a guardare e a vedere… e ci insegna che coloro che amiamo non rimarranno sempre gli stessi.

Noi non ci guardiamo più! Siamo così occupati a fare tante cose che nessuno di noi guarda più gli altri. Non sarete qui per sempre. Domattina non sarete più come siete ora.

Quanti di voi hanno figli abbastanza adulti per sposarsi? Quando se ne andranno vi accorgerete di non avere, forse, avuto il tempo per osservarli crescere, di essere stati sempre così indaffarati a fare qualcosa per loro da non averli visti!

I volti delle persone che amate non saranno più gli stessi domattina, e anche il vostro volto non sarà più lo stesso. Non perdeteveli!

Gli alberi, là fuori, compiono prodigi. Osservateli continuamente… è una magia!

cos'è importante nella vita

“Oh, Dio essere arrivati in punto di morte senza avere mai vissuto” – Thoreau

La morte ci insegna questo. L’essenziale, io credo, è vivere la vita con uno spirito di meraviglia. Quanta magia c’è attorno a noi, ma noi lasciamo che ci passi accanto! In Asia dicono che la vita è un grande fiume, che scorre qualunque cosa facciate o non facciate.

Possiamo decidere di abbandonarci al fiume e di vivere in pace, nella gioia e nell’amore; oppure possiamo decidere di lottare contro il fiume, e vivere nella sofferenza e nella disperazione. Ma il fiume non se ne cura. La vita non se ne cura. Qualunque cosa facciamo, tutti i nostri fiumi si gettano nello stesso mare. Sta a voi decidere.

10 principi guida a ciò che è essenziale

Infine è essenziale non soltanto attingere dalla vita; è essenziale alimentarla. Noi abbiamo dimenticato il dovere di donare… Amate perché volete amare, date perché volete dare. I fiori sbocciano perché devono, non perché c’è qualcuno a cui piacciono! Voi vivete e amate perché volete, perché dovete. Io mi diverto moltissimo con le parole. Amo giocare con le parole. Ho scritto un elenco di parole che ritengo una guida a ciò che è essenziale:

  1. Retta conoscenza, che vi dà gli strumenti necessari per il vostro viaggio.
  2. Saggezza, per usare la conoscenza accumulata che meglio servirà alla scoperta della vostra presenza e del vostro presente.
  3. Compassione, per accettare gli altri, che possono avere una mentalità diversa dalla vostra, con gentilezza e comprensione, mentre con loro e in mezzo a loro percorrete la vostra strada.
  4. Armonia, per accettare il flusso naturale della vita.
  5. Creatività, per aiutarvi a capire e a riconoscere nuove alternative e sentieri inesplorati.
  6. Forza, per resistere alla paura e continuare ad avanzare senza garanzie di ricompensa.
  7. Pace, per mantenervi centrati.
  8. Gioia, per permettervi di cantare e ridere e di danzare lungo l’intero cammino.
  9. Amore, che sarà la vostra guida costante verso il più alto livello di coscienza di cui è capace l’uomo.
  10. Unità, che ci riporta al punto di partenza… il luogo dove noi siamo uniti a noi stessi e a tutte le cose.

Dunque lo studio dell’amore mi ha portato allo studio della vita. Vivere nell’amore è vivere nella vita, e vivere nella vita è vivere nell’amore.

Per me la vita è il dono che Dio vi ha fatto. Il modo in cui vivete la vostra vita è il dono che voi fate a Dio. Fate in modo che sia un dono fantastico!

Tratto dal libro Vivere, amare, capirsi di Leo Buscaglia

Se hai gradito questo articolo, condividilo cliccando sui pulsanti che trovi sotto e iscriviti ora alla newsletter o al FEED RSS,  se vuoi ricevere i nuovi articoli. Sarà un vero piacere annoverarti tra i miei lettori. Grazie di cuore!!

Inserisci la tua email:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *