,

La gara dei ranocchi: cosa ci insegna?

La gara dei ranocchi: cosa ci insegna?

La gara dei ranocchi

 

C’era una volta una gara di ranocchi. L’obiettivo era arrivare in cima a una grande torre. Si radunò molta gente per assistervi e fare il tifo per loro. Cominciò la gara. In realtà, la gente probabilmente non credeva possibile che i ranocchi raggiungessero la cima, e tutto quello che si ascoltava erano frasi tipo: “Che pena! Non ce la faranno mai!”

I ranocchi cominciarono a desistere, tranne uno che continuava a cercare di raggiungere la cima e la gente continuava: “… Che pena! Non ce la faranno mai!…” E i ranocchi si stavano dando per vinti tranne il solito ranocchio testardo che continuava a insistere.

Alla fine, tutti desistettero tranne quel ranocchio che, solo e con grande sforzo, raggiunse alla fine la cima. Gli altri volevano sapere come avesse fatto.

Uno degli altri ranocchi si avvicinò per chiedergli come avesse fatto a concludere la prova. E scoprirono che… era sordo!

Cosa ci insegna la gara dei ranocchi?

 

Siamo influenzati non solo dalle nostre convinzioni, ma anche da ciò che dicono gli altri. Ti viene detto che non puoi farcela, che ciò che stai facendo non è per te? Non crederci, non ascoltare le persone che hanno la malsana abitudine di essere negative. Sii sempre sordo quando qualcuno ti dice che non puoi realizzare i tuoi sogni. Tu puoi tutto, se solo lo vuoi veramente, ci credi e ti impegni. Sii dunque positivo e credi in te!

“Puoi avere ciò che vuoi semplicemente se sei disposto a liberarti della convinzione che tu non puoi” – Harold Robbins

Per questo ti dico:

“Osa diventare ciò che sei. E non disarmarti facilmente. Ci sono meravigliose opportunità in ogni essere. Persuaditi della tua forza e della tua gioventù” André Gide

Non dubitare mai delle tue capacità di farcela sempre e comunque, non dubitare mai del tuo potenziale, del tuo valore.

“Una persona che dubita di sé è come un uomo che vuole arruolarsi tra le fila del nemico e alzare le armi contro se stesso. Egli rende il proprio fallimento certo dato che è la prima persona ad esserne convinta” – Alexandre Dumas figlio

La gara dei ranocchi: cosa ci insegna?

Questo articolo fa parte di una serie di articoli dedicati al COACHING e alla PNL. Cosa sono il Coaching e la PNL? Ti piacerebbe scoprirlo? Sei interessato a dei corsi gratuiti? Clicca sul link che trovi sotto

Se hai gradito questo articolo, condividilo cliccando sui pulsanti che trovi sotto e iscriviti ora alla newsletter,  se vuoi ricevere i nuovi articoli. Sarà un vero piacere annoverarti tra i miei lettori. Grazie di cuore!!

Inserisci la tua email:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *