,

Mente calma, cuore aperto

mente calma cuore aperto

 

Mente calma: cosa significa?

 

Ti piacerebbe godere del momento presente? Liberarti dalle preoccupazioni per il futuro e dai ricordi spiacevoli del passato? Sarebbe bello, vero? Ma cosa occorre? Semplice: mente calma e cuore aperto!

Mente calma significa imparare a controllare i pensieri, non quei pensieri che scaturiscono da un atto di volontà, ma quelli involontari e compulsivi che non ci appartengono, ma ci “accadono”: pensieri legati alle preoccupazioni per il futuro,  pensieri che attingono dal nostro “corpo di dolore” mali di ogni genere (torti subiti, traumi, soprusi,  ricordi spiacevoli, paure, fallimenti, insuccessi, sensi di colpa… ).

Si tratta di pensieri che generano continui monologhi interiori, pensieri deprimenti, autolimitanti che assorbono parecchia energia e catturano la nostra attenzione generando emozioni negative molto nocive. Cosa fare?

  • Il primo passo da compiere è la disidentificazione:

I pensieri involontari non vanno presi sul serio perché non sono nostri, dobbiamo semplicemente osservarli senza giudicarli, condannarli o reprimerli.

L’osservazione crea distacco tra l’osservatore e l’entità pensante. Chi osserva non può essere ciò che è osservato, quindi gradualmente l’osservazione ci permetterà di prendere le dovute distanze dalla  mente e capire che noi non siamo la nostra mente e che la mente mente.

È  sufficiente pertanto osservare i pensieri e la loro carica emozionale senza esserne spaventati, senza reagire.

 

mente calma cuore aperto

 

  • Secondo passo: pensa con consapevolezza e positività così da creare la realtà che desideri, in pieno accordo con ciò che vuoi essere e sperimentare nella vita.

“C’è una grande differenza tra il semplice pensare e il dirigere il nostro pensiero coscientemente, sistematicamente e costruttivamente. Quando facciamo questo noi poniamo la nostra mente in armonia con la Mente Universale, ci sintonizziamo con l’Infinito, mettiamo in moto le più potenti forze esistenti, il potere creativo della Mente Universale” – Charles Haanel

Pensare con consapevolezza significa imparare a canalizzare nella giusta direzione la forza dei nostri pensieri e delle nostre emozioni. Fare in modo che i nostri pensieri siano in pieno accordo con ciò che desidera la nostra anima e il nostro sé superiore.

Concentrati allora e canalizza i pensieri su ciò che ti piace, su ciò che desideri, su ciò che ti sta veramente a cuore, anziché su ciò che non vuoi o che non ami o che temi.

Invia nell’etere pensieri buoni, pensieri di pace, di amore, di riconciliazione, di rispetto, ricordando sempre che i pensieri hanno un effetto boomerang: la vita ti restituirà tutto ciò che hai dato anche in termini di pensieri.

“Siamo formati dai nostri pensieri: noi diventiamo quello che pensiamo. Quando la mente è pura, la gioia segue come un’ombra che non ci lascia mai”- Buddha

Pensieri di odio, di competizione, di invidia, di diffidenza, di pregiudizio creano una realtà a loro immagine e somiglianza. I pensieri sono cose, diceva Edgar Cayce, e possono creare crimini o miracoli.

Non dimenticare che le emozioni sono una naturale conseguenza dei pensieri, pensieri negativi determinano emozioni negative e queste, se persistenti, sono causa di malattie e malesseri e generano convinzioni radicate che influenzano il nostro agire e attraggono nella realtà  eventi che vibrano alla stessa frequenza.

Sii dunque un vincente! Focalizza la tua attenzione su ciò che vuoi ottenere,  sentiti già ciò che vorresti essere. Non ti serve la lampada di Aladino per realizzare i tuoi sogni, bastano I TUOI PENSIERI E LE TUE EMOZIONI.

  • Il terzo passo:  sostituisci il pensiero involontario negativo con uno positivo.

Non possiamo nello stesso istante pensare a qualcosa di positivo e di negativo, non è nelle nostre facoltà concentrarci contemporaneamente su due cose differenti, o accogliamo l’uno o accogliamo l’altro pensiero, non tutti e due  e questo rappresenta un grosso vantaggio perché nel momento in cui si affaccia un pensiero negativo possiamo sforzarci di sostituirlo con uno positivo, è come passare da un canale all’altro per poi sintonizzarci su un canale di nostra preferenza.

  • Quarto passo: vivi nel momento presente

mente calma cuore aperto

Ma perché vivere nel presente costituisce lo strumento più efficace per neutralizzare la mente? Perché la mente vive esclusivamente nel passato e nel futuro, è memoria e immaginazione, vive di aspettative e ricordi.

Passato e futuro sono creazioni della mente: esiste il passato perché lo ricordiamo ed esiste il futuro perché lo immaginiamo, ma la vera realtà è data dal presente che non è dominio della mente.

Ci sono, dice il Dalai Lama, solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro domani, perciò OGGI è il giorno giusto per amare, credere, fare e principalmente vivere.

Il presente è l’unica vera realtà e costituisce una sorta di divieto di accesso alla mente, è fuori dal suo dominio e per questo capace di liberarci dalla schiavitù del pensiero meccanico e compulsivo.

Ma cosa significa vivere nel qui e ora? Significa osservare, porre attenzione, essere concentrati nell’azione che compiamo, in quanto la concentrazione impedisce alla mente di vagare, di passare, come è solita fare, dal presente al futuro, dal futuro al passato in un’attività incessante, meccanica, incontrollata che causa dispendio di energia e inutile sofferenza.

Vivere appieno il momento presente significa dunque essere attenti, presenti in tutto ciò che si fa: vestirsi, spogliarsi, lavarsi, mangiare… Qualsiasi azione sulla quale siamo concentrati sortisce l’effetto di superare i confini della mente, di bloccare il flusso automatico dei pensieri e permette ai due emisferi cerebrali (destro e sinistro) di entrare in sintonia e raggiungere la massima consapevolezza ed efficienza.

Certo non è per niente facile mantenere viva l’attenzione sul momento presente, riusciamo, infatti, a concentrarci solo per poco tempo, per poi ritornare quasi subito a fare le cose meccanicamente perché assaliti da un flusso ininterrotto di pensieri che ci riporta al nostro abituale stato di addormentamento.

È importante allora procedere per gradi, porsi degli obiettivi progressivi, sforzarsi, ad esempio, di essere presenti quando ci si veste o quando ci si siede o si accende un interruttore o si apre una porta.

Una volta raggiunto un obiettivo, possiamo aggiungerne un altro così da abituarci progressivamente a una maggiore presenza e consapevolezza.

“Se sei in pace stai vivendo nel presente” – Lao Tzu

“Cogli il tuo tempo, meno che puoi fidati del domani” – Quinto Orazio Flacco

“Ciascuno esamini i propri pensieri. Troverà che sono tutti concentrati nel passato o nell’avvenire. Non pensiamo quasi per niente al presente e se ci pensiamo è solo in funzione di predisporre il futuro. Il presente non costituisce mai il nostro fine. Passato e presente sono mezzi, solo l’avvenire è il nostro fine.  Così non viviamo mai, ma speriamo di vivere,  e preparandoci sempre a essere felici è inevitabile che non lo siamo mai” – Blaise Pascal

Questi 4 importanti step (1. disidentificazione, 2. pensare con consapevolezza e positività, 3. sostituire il pensiero involontario negativo con uno positivo, 4. vivere nel momento presente) ci permettono di avere una mente calma e costituiscono gli elementi cardini della  Mindfulness. C0s’è ?

Si può sintetizzare il termine “Mindfulness” con consapevolezza,  presa di coscienza del proprio essere riguardo a tutto ciò che è esterno a noi e che comunque è parte di noi, questo vuol dire avere il controllo dei propri pensieri e delle proprie azioni, evitando che ogni negatività abbia il sopravvento.

Vuoi conoscere più a fondo i segreti della mindfulness? Leggi questo interessante testo di Carolina Traverso

Mente Calma Cuore Aperto Carolina Traverso Mente Calma Cuore Aperto
Come fare pace con i tuoi pensieri in 5 minuti e risvegliarti alla vita con i segreti della mindfulness
Carolina TraversoCompralo su il Giardino dei Libri

Se hai gradito questo articolo, condividilo cliccando sui pulsanti che trovi sotto e iscriviti ora alla newsletter,  se vuoi ricevere i nuovi articoli. Sarà un vero piacere annoverarti tra i miei lettori. Grazie di cuore!!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *