Vivi per lavorare o lavori per vivere?

vivi per lavorare o lavori per vivere

 

Priorità: vivi per lavorare o lavori per vivere?

 

Un professore di filosofia, in piedi davanti alla sua classe, prese un grosso vaso di marmellata vuoto e cominciò a riempirlo con dei sassi di circa 3 cm di diametro. Una volta fatto chiese agli studenti se il contenitore fosse pieno ed essi, risposero di sì.

Allora il professore tirò fuori una scatola piena di piselli, li versò dentro il vaso e lo scosse delicatamente. Ovviamente i piselli si infilarono nei vuoti lasciati tra i vari sassi. Ancora una volta il professore chiese agli studenti se il vaso fosse pieno ed essi, ancora una volta, dissero di sì.

Allora il professore tirò fuori una scatola piena di sabbia e la versò dentro il vaso. Ovviamente la sabbia riempì ogni altro spazio vuoto lasciato e coprì tutto. Ancora una volta il professore chiese agli studenti se il vaso fosse pieno e questa volta essi risposero di sì, senza dubbio alcuno.

Allora il professore tirò fuori, da sotto la scrivania, due lattine di birra e le versò completamente dentro il vasetto, inzuppando la sabbia. Gli studenti risero.

“Ora”, disse il professore non appena svanirono le risate, “pensate che questo vaso rappresenti la vostra vita. I sassi sono le cose importanti, la vostra famiglia, i vostri amici, la vostra salute, le cose per le quali se tutto il resto fosse perso, la vostra vita sarebbe ancora piena.

I piselli sono le altre cose per voi importanti: la vostra scuola o il vostro lavoro, la vostra casa, la vostra auto. La sabbia è tutto il resto… le piccole cose”.

“Se mettete dentro il vasetto per prima la sabbia”, continuò il professore, “non ci sarebbe spazio per i piselli e per i sassi. Lo stesso vale per la vostra vita: se dedicate tutto il vostro tempo e le vostre energie alle piccole cose, non avrete spazio per le cose che per voi sono importanti.

Dedicatevi alle cose che vi rendono felici: giocate con i vostri figli, portate il vostro partner al cinema, uscite con gli amici. Ci sarà sempre tempo per lavorare, pulire la casa, lavare l’auto. Prendetevi cura prima di tutto dei “sassi”, le cose che veramente contano. Fissate le vostre priorità… il resto è solo sabbia.”

Una studentessa allora alzò la mano e chiese al professore cosa rappresentasse la birra.

Il professore sorrise: “Sono contento che tu me lo abbia chiesto. Era solo per dimostrarvi che per quanto piena possa essere la vostra vita, c’è sempre spazio per un paio di birre!”

Cosa ci insegna?

Siamo assorbiti da mille attività che ci portano via molto tempo, ci assumiamo responsabilità e pesi che a volte non possiamo realisticamente portare. Facciamo gli straordinari per procurarci un’infinità di cose materiali che poco servono alla nostra felicità.

“Anche quando uno ha abbondanza la sua vita non dipende dalle cose che possiede”  – Luca 12:15

il valore del tempo

Lavoriamo oltremisura e ci convinciamo che non è possibile fare diversamente perché erroneamente pensiamo che il nostro estenuante lavoro possa risolvere molti dei problemi che stanno là fuori, e forse è così veramente, ma non ci rendiamo conto che lavorando senza equilibrio rischiamo di perdere o di compromettere gli affetti più cari.


Io lotto contro l’idea che la felicità stia nella capacità di comprare cose nuove. Non siamo venuti al mondo solo per lavorare e per comprare; siamo nati per vivere. La vita è un miracolo; la vita è un regalo. E ne abbiamo solo una – Josè Mujica


Il lavoro nobilita l’uomo, ma bisogna saper conciliare il lavoro con gli altri aspetti della vita, trovare il giusto equilibrio tra lavoro e vita privata. Un poco di sana ambizione va bene, ma va bilanciata con altri fattori: la salute, la famiglia, gli amici, gli affetti, la necessità di dedicare tempo a se stessi, ai propri progetti, al proprio sviluppo spirituale.

Chiedetevi se vivete per lavorare o lavorate per vivere e imparate a fissare delle priorità, imparate a capire cosa è veramente importante e cosa può aspettare, capire cosa vi fa sentire veramente bene e cosa vi procura solo un godimento momentaneo.


“Bisogna muoversi per priorità, questo è il segreto del controllo del tempo” – Robin Sharma


Evitate di essere tra quelli che prima devono perdere qualcosa o qualcuno per poi capire che era veramente importante e scoprire  troppo tardi e a proprie spese che gli affetti, gli amici e la famiglia sono di gran lunga più importanti del denaro, del lavoro e dei beni materiali.

Questo articolo è tratto dal libro Come attingere SAGGEZZA DI VITA da 35 straordinari racconti

Come attingere saggezza di vita da 35 straordinari racconti, Bianca Rifici

Se hai gradito questo articolo, condividilo cliccando sui pulsanti che trovi sotto e iscriviti ora alla newsletter,  se vuoi ricevere i nuovi articoli. Sarà un vero piacere annoverarti tra i miei lettori. Grazie di cuore!!

Inserisci la tua email:

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *