Come effettuare un cambiamento duraturo

4 strategie per effettuare un cambiamento duraturo

Dal libro Leader di te stesso di Anthony Robbins

 

Affinché un cambiamento sia duraturo nel tempo, bisogna fare «CRAC»! «Devi rompere qualcosa?» Certamente! Devi rompere i vecchi schemi di pensiero e comportamento, sostituendoli con altri nuovi e più produttivi. «CRAC» è l’acrostico che, oltre a richiamare il suono onomatopeico dello spezzarsi di qualcosa, evidenzia i passi fondamentali che è necessario effettuare per arrivare al tuo scopo:

  1. Consapevolezza
  2. Rottura dello schema
  3. Alternativa potenziante
  4. Condizionamento

Continua a leggere

fortuna o sfortuna: chi può dirlo?

 

Fortuna o sfortuna?

 

C’era una volta in un lontano paesetto un povero contadino che traeva di che vivere da un campicello che lavorava assieme alla moglie e al figlio e con l’aiuto di un cavallo.

Un giorno il recinto venne lasciato inavvertitamente aperto e il cavallo fuggì. I vicini, appresa la notizia, esclamarono: “Poveretto, che sfortuna, e adesso come farai a lavorare?” Il contadino rispose: “Sfortuna, fortuna, e chi può dirlo!”

Continua a leggere

forza interiore

 

La forza interiore è dentro di te

Tratto dal libro Obiettivo ricchezza di James Allen

 

La causa di tutto il potere, come di tutta la debolezza, è interiore; il segreto di tutta la felicità, come di tutta l’infelicità, è ugualmente interiore. Non c’è progresso, tranne quello che si dispiega all’interno.

Puoi portare quella condizione migliorata nella vita esteriore che desideri, se sarai risoluto e irremovibile nel voler migliorare la tua vita interiore.

Continua a leggere

la legge del contrasto percettivo

 

Una studentessa usa con successo la legge del contrasto percettivo

Tratto dal libro Le armi della persuasione di Roberto Cialdini

 

Cari papà e mamma,

da quando sono partita per il collegio ho trascurato di scrivervi e mi dispiace della mia negligenza per non aver scritto prima d’ora. Adesso voglio informarvi di tutto, ma prima di leggere, per piacere mettetevi a sedere.

Non leggete più avanti se non siete seduti, d’accordo? Bene, allora, sto abbastanza bene ormai. La frattura del cranio con commozione cerebrale che mi sono fatta saltando dalla finestra del dormitorio quando è andato a fuoco, poco dopo il mio arrivo, ora è guarita discretamente. All’ospedale sono rimasta appena due settimane e ora ci vedo quasi normalmente; ho solo mal di testa una volta al giorno.

Continua a leggere