Non trascurare mai le persone che ami

I giorni perduti

 

Qualche giorno dopo aver preso possesso della sontuosa villa, Ernst Kazirra, rincasando, avvistò da lontano un uomo che con una cassa sulle spalle usciva da una porticina secondaria del muro di cinta, e caricava la cassa sul camion. Non fece in tempo a raggiungerlo prima che fosse partito.

Allora lo inseguì in auto. E il camion percorse una lunga strada, fino all’estrema periferia della città fermandosi sul ciglio di un vallone. Lo sconosciuto scaricò la cassa dal camion e, fatti pochi passi, la scaraventò nel vallone, che era ingombro di migliaia e migliaia di altre casse uguali. Continua a leggere

come evitare malintesi

Una storia che ci insegna a evitare  malintesi: “I biscotti”

 

Una ragazza stava aspettando il suo volo in una sala d’attesa di un grande aeroporto. Siccome avrebbe dovuto aspettare per molto, decise di comprare un libro per ammazzare il tempo. Comprò anche un pacchetto di biscotti.

Si sedette nella saletta d’attesa per stare più tranquilla. Accanto a lei c’era la sedia con i biscotti e, nella sedia successiva, un signore che stava leggendo il giornale. Continua a leggere

come riconoscere il vero amore

Se tutto ciò… è Vero amore

 

Un giorno un vecchio mi disse: “Quando incontri qualcuno, e questo qualcuno ti fa fermare il cuore per alcuni secondi: fai attenzione, questo qualcuno potrebbe essere la persona più importante della tua vita.

Se gli occhi si incrociano e in quel momento c’è la stessa luce intensa tra loro: stai allerta, può essere la persona che stai aspettando dal giorno che sei nato.

Se il tocco delle labbra è stato intenso, se il bacio è stato appassionante e gli occhi sono diventati lucidi: rifletti, c’è qualcosa di magico tra voi. Continua a leggere

genitori anziani

 

Lettera di un anziano padre al figlio

 

Se un giorno mi vedrai vecchio, se mi sporco quando mangio e non riesco a vestirmi, abbi pazienza con me: ricorda il tempo che ho trascorso a insegnarti queste cose.

Se quando parlo con te ripeto sempre le stesse cose, non mi interrompere. Ascoltami. Quando eri piccolo dovevo raccontarti ogni sera la stessa storia finché non ti addormentavi.

Quando non voglio lavarmi, non biasimarmi e non farmi vergognare. Ricordati quando dovevo correrti dietro inventando delle scuse perché non volevi fare il bagno. Continua a leggere