accettare la malattia

 

Accettare la malattia è importante

Qualsiasi malattia di una certa gravità o di un certo peso è accompagnata quasi sempre da sentimenti di angoscia, paura, rabbia, smarrimento.

Ci si chiede  com’è possibile che tutto questo sia successo proprio a noi. Tale reazione, soprattutto se si tratta del primo impatto, è assolutamente comprensibile, ma se questi sentimenti persistono sfoceranno inevitabilmente in un atteggiamento di rifiuto, di sconfitta, di resistenza, di passività che non farà altro che alimentare ulteriormente la sofferenza e il disagio del momento.

Ciò cui si resiste, dice Jung, persiste, tutto ciò cui opponiamo resistenza si rafforza, si intensifica. Continua a leggere

regole per un modo migliore di vivere

 

Regole per un modo migliore di vivere

Ti starai chiedendo quali siano le regole per un modo migliore di vivere, ne ho elencate 17 perché tutte quante  importanti per avere vero successo nella vita. Consideriamole insieme!

 

PRIMA REGOLA

Considera le fortune che hai. Una volta che ti sarai reso conto di quanto vali, tornerai a sorridere, vedrai risplendere il sole, riuscirai finalmente ad andare incontro alla vita come Dio l’aveva intesa per te… con grazia, forza, coraggio e fiducia. Uno dei segreti della vita più importanti e inconfutabili che ho dovuto imparare, nel dolore, è che non puoi nemmeno iniziare a modificare un’esistenza irrimediabilmente fallita, un lavoro monotono e ingrato o una grave situazione finanziaria che sembra condannarti alla sconfitta personale finché non sai apprezzare i beni che già possiedi.

SECONDA REGOLA

Ogni giorno fai più di quanto tu sia pagato per fare. Una volta appreso il segreto di rendere più di quanto ti sia richiesto, il successo sarà quasi raggiunto. Fai in modo di essere così importante nel tuo lavoro da diventare indispensabile. Esercitati a percorrere qualche chilometro in più e goditi le ricompense che riceverai. Te le meriti! Continua a leggere

attenti a come parliamo

 

Quali pensieri vanno controllati e dominati?

 

Non certo quelli che sono “nostri” cioè quei pensieri che scaturiscono da un atto di volontà e che sono finalizzati al raggiungimento di uno scopo, di un obiettivo, finalizzati alla programmazione e alla pianificazione di progetti …. bensì quei pensieri  involontari e compulsivi che non ci appartengono, ma ci “accadono”, pensieri legati alle preoccupazioni per il futuro,  pensieri che attingono dal nostro “corpo di dolore” mali di ogni genere: torti subiti, traumi, soprusi, dolori, ricordi spiacevoli, paure, fallimenti, insuccessi, sensi di colpa…

Si tratta di pensieri che generano continui monologhi interiori, pensieri deprimenti, autolimitanti che assorbono parecchia energia e catturano la nostra attenzione generando emozioni negative molto nocive. Continua a leggere

 

La gratitudine migliora la tua vita

La gratitudine come dimostrano le ricerche scientifiche è fonte di benessere psicofisico.

Dire “grazie” eleva le vibrazioni e ci pone  in uno stato mentale positivo che genera emozioni positive, produce inoltre cambiamenti del flusso sanguigno, in quanto esprimere gratitudine genera un ritmo cardiaco coerente cioè un andamento calmo e uniforme dei ritmi cardiaci: il corpo aumenta la produzione di ormoni utili come l’ormone anti-invecchiamento DHEA, aumenta le funzioni cognitive e rafforza il sistema immunitario.

Il segreto della gratitudine

Si registrano inoltre maggiori livelli di attività nell’ipotalamo e flussi più elevati di dopamina, una sostanza chimica prodotta dal cervello che influenza positivamente l’umore e la cui mancanza provoca depressione e ansia. Continua a leggere